Nuove ambulanze per il 118 siciliano

C’è anche l’ospedale Cannizzaro fra le sedi cui sono state destinate le nuove e tecnologicamente avanzate ambulanze del Servizio 118 siciliano. Si tratta di 83 mezzi di soccorso dotati delle apparecchiature elettromedicali di ultima generazione, in fase di consegna in tutte le nove province nelle postazioni di soccorso avanzato cioè quelle che prevedono a bordo oltre agli autisti- soccorritori pure medico ed infermiere.

Lo riferisce Seus in una nota, in cui spiega anche che l’intervento è stato possibile grazie a una serie di soluzioni tra cui il leasing finanziario successivo a un bando pubblico. «Si tratta di una ulteriore tappa – spiega Baldo Gucciardi, assessore alla Salute – di un percorso avviato col G7 di Taormina, per potenziare con mezzi moderni le reti tempo-dipendenti e dell’ emergenza-urgenza sui cui si fonda la nuova rete ospedaliera».

Le nuove ambulanze sono dotate di apparecchiature di ultima generazione e questo, insieme alla notevole professionalità di tutti gli operatori del 118, contribuirà a migliorare ulteriormente la qualità dell’ emergenza-urgenza siciliana, in ossequio a quanto previsto dalle più recenti linee guida e dagli input dell’ assessorato alla Salute», afferma Gaetano Montalbano, amministratore unico della Seus. Aggiunge Nico Le Mura, coordinatore dell’ Area Operativa regionale: «Le ambulanze sono fornite di ecografo portatile, pompa infusionale, set scalda fluidi, ventilatore polmonare portatile e defibrillatore con multiparametrico integrato con sistema di telemetria verso le Utic».

La postazione dell’ospedale Cannizzaro figura tra le ventisette nuove ambulanze già consegnate, insieme con le postazioni di “Agrigento 2”, Sciacca, Cammarata, Ribera, Milena, San Cataldo, “Gela 1” e Sommatino, Gravina di Catania, Giarre, Santa Marta e Mascali, Regalbuto, Pietraperzia, Troina, Messina Sud, ospedali Papardo e Piemonte , Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo, “Siracusa 1” ed Augusta, Politeama, Villa Sofia, Isola delle Femmine e Ragusa. Nell’elenco delle prossime da consegnare figurano, tra le altre, quelle per le postazioni di Torregrotta, Scaletta Zanclea, Pedara, San Giovanni La Punta, Garibaldi, Trapani, Mazara, Marsala ed Alcamo.

Il potenziamento di mezzi e strutture è realizzato in una stagione, quella estiva, in cui spesso si moltiplica il numero delle emergenze a cui è chiamato a dover intervenire. La misura adottata dovrà anche contribuire a una maggiore reattività e sicurezza sulla base di una uniforme e più completa distribuzione sul territorio siciliano.