Al Cannizzaro il più moderno “Gamma Knife”

Condividi

L’Azienda Cannizzaro di Catania introduce, primo ospedale pubblico in Italia, il più recente modello di Gamma Knife e ne riorganizza la gestione integrata tra le Unità Operative di Radioterapia e di Neurochirurgia.

Gamma Knife

Gamma Knife

Conclusi i lavori di installazione attualmente in corso, fra poco più di un mese sarà in funzione il Gamma Knife “Icon” di Elekta, presente solo in 50 centri al mondo e secondo in Italia dopo quello di Brescia, che l’Azienda Cannizzaro ha acquisito tramite una rapida procedura in ambito europeo, in sostituzione della macchina in dotazione dal 2005 presso la U.O.C. di Neurochirurgia.

L’apparecchiatura permette, mediante radiazioni gamma emesse dalle sorgenti di cobalto contenuti nella testata della macchina, di irradiare con precisione sub-millimetrica tumori cerebrali primitivi, maligni e/o benigni (tra cui i neurinomi dell’acustico, meningiomi, adenomi ipofisari), metastasi cerebrali, malformazioni vascolari e patologie non tumorali come la nevralgia del trigemino. Le alte dosi di radiazioni erogate vengono concentrate in maniera estremamente precisa sulla zona da irradiare senza danneggiare il tessuto sano circostante. Rispetto all’intervento chirurgico tradizionale, nei casi indicati, il trattamento con Gamma Knife riduce notevolmente il rischio delle complicanze.

Fino ad ora, però, per sottoporsi a questa metodica radiochirurgica i pazienti erano costretti ad indossare esclusivamente un casco, fissato alla testa tramite delle viti extracraniche, necessario per localizzare le zone da trattare ed evitare il movimento del paziente sul lettino della macchina. Con il nuovo modello di ultimissima generazione, invece, è possibile utilizzare anche un sistema di immobilizzazione non invasivo e cioè una maschera termoplastica personalizzata, di comune uso nella radioterapia tradizionale, che aderisce perfettamente al volto del paziente aiutandolo a rimanere fermo durante il trattamento. Essendo rimovibile, la maschera, oltre a migliorare il confort del paziente, permette di eseguire il trattamento radiante stereotassico in più frazioni, a beneficio dell’irradiazione di quelle lesioni localizzate in stretta vicinanza ad organi critici o per i tumori di maggiore dimensione con riduzione degli effetti collaterali, che, anche se rari, sono connessi al trattamento con Gamma Knife, come edema cerebrale, cefalea e crisi epilettiche. La possibilità di ricorrere alla maschera termoplastica, la presenza di un sistema di imaging stereotassico che controlla, mediante una TC integrata, il posizionamento del paziente prima di ogni seduta ed un sistema di monitoraggio ad infrarossi che controlla eventuali piccoli movimenti durante il trattamento, estendono l’uso di questa versione di Gamma Knife Icon anche a quei pazienti con patologie encefaliche finora trattati presso la U.O.C. di Radioterapia, riducendo così i tempi di attesa per il trattamento di pazienti con tumori in altri distretti corporei.

Dott. Francesco Marletta

Dott. Francesco Marletta

Dott. Salvatore Cicero

Dott. Salvatore Cicero

La nuova Gamma Knife ICON avrà pertanto una gestione funzionale integrata tra le U.O.C. di Neurochirurgia e di Radioterapia dell’Azienda Cannizzaro, ognuna per le proprie competenze, sotto la supervisione dei rispettivi direttori dr. Salvatore Cicero e dr. Francesco Marletta (nelle foto), i quali con i loro collaboratori daranno vita ad un team multidisciplinare che, con riunioni settimanali, discuterà e deciderà insieme il trattamento più idoneo di tutti i casi. L’inizio dell’attività è previsto per la prima settimana di maggio, ma è già possibile accedere alle visite ambulatoriali, con la richiesta del medico curante, prenotando, tutti i giorni tranne il sabato, dalle 9 alle 13, allo 095 7264015 (segreteria Radioterapia) 095 7263435 (segreteria Neurochirurgia).

   

Lascia un commento