Caso Colocoop, l’Azienda si rivolge a Prefettura e Regione

Condividi

Alla luce delle notizie sull’inchiesta della Dda di Napoli relativa ad appalti per le pulizie nell’Asl di Caserta, nella quale risulta coinvolta la ditta Co.Lo.Coop di Milano (una delle due cooperative dell’Ati alla quale, a seguito del pronunciamento della giustizia amministrativa, è affidato il servizio di ausiliariato nell’ospedale), l’Azienda Cannizzaro, al fine di garantire la massima legalità e trasparenza nelle procedure che la riguardano, si è attivata per accertare eventuali refluenze della vicenda campana sull’appalto in corso.

Il commissario straordinario Paolo Cantaro ha scritto alla Prefettura di Milano, che ha rilasciato la certificazione antimafia per Co.Lo.Coop, chiedendo approfondimenti in merito, alla luce dei recenti sviluppi; alla Procura di Napoli, per avere maggiori notizie sulla posizione degli indagati che hanno ruoli in Co.Lo.Coop; alla Prefettura e alla Procura di Catania, nonché all’Assessorato regionale della Salute, alla Presidenza della Regione e alla Commissione Sanità dell’Ars, per dare per informazioni sulla vicenda e sui provvedimenti assunti in queste ore dall’Azienda Cannizzaro.

L’iniziativa del commissario origina dai risvolti dell’inchiesta campana nell’ambito della quale, come si è appreso da fonti di stampa locale, sono indagati Ranieri Fiore, amministratore unico della Co.Lo.Coop (Consorzio Lombardo Cooperative), e Pasquale de Feudis, in qualità di “gestore” della stessa ditta, quest’ultimo destinatario di ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Queste vicende giudiziarie non riguardano naturalmente l’appalto aggiudicato all’associazione di imprese Colocoop-Pfe. «Nondimeno – spiega il dott. Cantaro – l’Azienda Cannizzaro intende valutare eventuali ricadute dell’inchiesta sull’affidamento dei servizi di ausiliariato all’interno dell’ospedale. Oltre a chiedere approfondimenti alle autorità competenti, a seguito delle notizie apprese, abbiamo ritenuto doveroso informare la Regione sulle nostre risoluzioni alla luce della vicenda giudiziaria. Non vogliamo che ci siano ombre sullo svolgimento del servizio di ausiliariato – conclude il commissario – che l’Azienda Cannizzaro ha affidato all’Ati Colocoop-Pfe in esecuzione della sentenza del Consiglio di giustizia amministrativa».

Si ricorderà che Colocoop-Pfe era subentrata il 16 luglio scorso alla cooperativa Seriana 2000 nella gestione del servizio di ausiliariato nell’ospedale Cannizzaro, per effetto della sentenza 324/13 del Consiglio di Giustizia Amministrativa.

   

Lascia un commento