Emergenza e PS, proposte di miglioramento

Si è conclusa con la produzione di un documento, pratico e sintetico, la serie di tre incontri organizzata dall’associazione Nuovi Consumatori Europei all’ospedale Cannizzaro di Catania, in merito alle criticità nella gestione dell’urgenza-emergenza. Dopo la prima riunione, utile a mettere in campo i problemi, e la seconda, nella quale sono state avanzate le possibili soluzioni, la terza riunione è servita a formulare alcune brevi proposte, sottoscritte da primari e responsabili a vario titolo della sanità provinciale pubblica e privata e inviate alle autorità competenti (dalla VI commissione Ars all’assessore Gucciardi, al sottosegretario Faraone).

Tra le richieste sottolineate dal gruppo di lavoro, figurano quelle di una maggiore integrazione tra i vari soggetti impegnati nella cura del paziente, dai medici di famiglia alle strutture sanitarie; dell’introduzione di un sistema informatico che faccia conoscere tempestivamente la disponibilità di posti letto agli operatori del 118; di una migliore integrazione pubblico-privato e territorio-ospedale; di una campagna di educazione e sensibilizzazione all’uso dei servizi sanitari; dell’avvio dei concorsi per il reclutamento di personale sanitario nelle aziende sanitarie sempre più in sofferenza. «In merito alle liste d’attesa, riteniamo utile per la Sicilia guardare al modello dell’Emilia Romagna», rimarca il presidente di Nuovi Consumatori Europei, Nunzio Vasta, aggiungendo che «la realizzazione dei vari punti proposti richiede l’attivazione delle necessarie risorse».

   

Lascia un commento