Montezemolo torna a elogiare l’ospedale Cannizzaro

Luca Cordero di Montezemolo torna a elogiare pubblicamente l’ospedale Cannizzaro di Catania. Stavolta, a distanza di poco più di due mesi dalla lettera pubblicata sul quotidiano La Sicilia, il presidente della Ferrari lo ha fatto in diretta nazionale su RaiUno, ospite del contenitore domenicale L’Arena di Massimo Giletti (nella foto).

Luca Cordero di Montezemolo
Montezemolo su RaiUno parla dell’ospedale Cannizzaro

In un’intervista tutto campo, dal rapporto con l’avvocato Gianni Agnelli alla passione per il Cavallino rampante fino all’impegno politico, Montezemolo ha parlato anche della sua vita privata. E proprio questo proposto il conduttore ha fatto riferimento all’infortunio del piccolo Lupo, che ha dovuto ricorrere alle cure dell’ospedale Cannizzaro di Catania: «Lei è stato trattato egregiamente, non solo perché si chiama Montezemolo: ha ricevuto delle cure immediate efficacissime, ha scritto anche una lettera di ringraziamento», ha detto Giletti.

Premettendo di essere un «un grande amante del Sud dell’Italia, della Sicilia in particolare», l’avvocato ha raccontato come, in vacanza proprio al largo dell’Isola, il figlio più piccolo si sia ustionato con acqua bollente circa il 20% del corpo. «Ho avuto la fortuna di poterlo ricoverare nel Centro Grandi Ustioni a Catania, un centro di eccellenza, e ho sentito il dovere – ha risposto Montezemolo – di scrivere una lettera al giornale, per dire tre cose. Innanzitutto, che anche al Sud ci sono centri di eccellenza scientifica nella sanità, a dimostrazione del grande potenziale dell’Italia. Poi, che ho trovato della gente capace di sacrificarsi, piena di entusiasmo. E, in terzo luogo, ho scritto un elogio della Sicilia: bellezza, cultura, archeologia… quante cose si potrebbero fare se tutti ce la mettessero tutta, come nel Dopoguerra».

Nella lettera citata, indirizzata al direttore del quotidiano catanese che l’ha pubblicata in prima pagina, Montezemolo aveva scritto di avere «toccato con mano e profondamente apprezzato l’efficiente assistenza, umana e professionale, che ha ricevuto fin dal primo momento», e in particolare, al Cannizzaro, la chirurgia plastica diretta dal prof. Rosario Perrotta e il Reparto Grandi Ustionati del prof. Giorgio Stracuzzi. Un “elogio della Sicilia”, che ha alimentato un dibattito nel quale è intervenuto, oltre al commissario straordinario dell’Azienda Cannizzaro, dott. Paolo Cantaro, anche il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta.

Devi essere loggato per potere lasciare un commento Login