Pronto Soccorso, dal territorio all’ospedale

Le criticità nella gestione dell’urgenza-emergenza, dal territorio all’ospedale; ma anche le possibili soluzioni per migliorare un servizio fondamentale per i cittadini. Sono questi i temi oggetto dell’incontro organizzato dalla confederazione nazionale Nuovi Consumatori Europei presso l’ospedale Cannizzaro di Catania.

L'incontro sul Pronto Soccorso al Cannizzaro

Da sinistra: Pellicanò, Vasta, Torrisi e Mazza

Aperti dal presidente della confederazione Nunzio Vasta, che ha promosso la riunione, i lavori hanno visto la presenza di manager e responsabili a vario titolo della sanità della provincia etnea: tra gli altri, i dott. Angelo Pellicanò e Paolo Cantaro, direttori generali delle Aziende Cannizzaro e Policlinico-Vittorio Emanuele; i direttori di UOC Tamburino (Cardiologia Ferrarotto), Amico (Cardiologia Cannizzaro), Mazza (Mcau Cannizzaro); il dott. Torrisi (Asp Catania, che ha portato i saluti del direttore Giammanco); il dott. Santocono, consulente per la sanità del sindaco Bianco; il prof. Grimaldi, segretario provinciale della FIMMG; i rappresentanti dell’ospedalità privata dott. Gibiino, avv. Romeo (Morgagni) e avv. Denti; il componente della VI commissione Ars on. Giuffrida. Sono pervenuti note del dott. Carpinteri (Policlinico-OVE), del rettore Basile, del prof. Ricciardi dell’Istituto Superiore di Sanità.

Dagli interventi è emersa la necessità di migliorare l’integrazione pubblico-privato anche con riferimento alle strutture convenzionate, svolgere un’azione di educazione sanitaria per far comprendere il ruolo del Pronto Soccorso e dunque del territorio, rafforzare il rapporto dell’utente con suo il medico di Medicina generale. «Si deve riavviare quel percorso avviato con la legge 5 del 2009, verso un’assistenza meno concentrata sull’ospedale», ha sottolineato Pellicanò. «Bisogna rafforzare la cultura di rete, nell’interesse del malato», ha aggiunto Vasta, che ha dato appuntamento a un nuovo aggiornamento alla luce delle conclusioni di questo incontro.

   

Lascia un commento