Qualità della vita, prima e dopo un cancro al seno

La qualità della vita delle donne con tumore al seno, attraverso interventi medico-scientifici, testimonianze ed esperienze, sarà al centro del convegno in programma a Catania per giovedì 18 (Palazzo dell’Università) e venerdì 19 settembre (Il Principe Hotel), dal titolo “Quality of life”, promosso dall’Unità operativa complessa – multidisciplinare – di senologia, Dipartimento materno infantile dell’AO Cannizzaro di Catania, diretta dalla dott.ssa Francesca Catalano (con il patrocinio dell’Ordine etneo dei medici chirurghi e degli odontoiatri, e dell’Università di Catania).

Vivere dopo il cancro al seno

Concetta Ravalli (radiologo senologo), Claudia Tropea (volontaria Andos), Francesca Catalano (direttore Unità Operativa Multidisciplinare di senologia) con l’opera “logo” dell’evento

Sarà un percorso di aggiornamento che, attraverso il confronto e il dialogo, coinvolgerà tutte le figure professionali dedicate alla diagnosi e cura del carcinoma mammario: chirurghi generali e plastici, medici generici, psicologi, infermieri, ginecologi, epidemiologi, pediatri, genetisti, oncologi, Tsrm, radiologi, radioterapisti, fisiatri, fisioterapisti. Medici che, fin dal primo momento, diventano preziosi punti di riferimento per le pazienti che in loro cercano chiarezza, competenza e rassicurazione. «Le donne con il cancro al seno, loro malgrado, sono a chiamate ad affrontare un cambiamento profondo della propria vita – afferma la dott.ssa Catalano – il lavoro ospedaliero mi ha riservato esperienze straordinarie, ogni giorno le pazienti arricchiscono il mio essere con le loro storie e il loro vissuto ricordandomi, a volte anche tacendo, quali sono i valori importanti di questa vita terrena. È dunque nostro compito esserci, perché anche se all’interno di ogni gruppo c’è la figura dello psico-oncologo, spesso le donne chiedono risposte al medico al quale si sono completamente affidate».

L’apertura del corso (ore 17.00) sarà affidata a Francesca Catalano, che introdurrà le autorità presenti per i saluti, dando spazio alle lectio magistralis di Antonella Surbone (La qualità della vita durante la traiettoria della malattia: ruolo dei professionisti oncologi), Patrizia Pasanisi (Stili di vita-alimentazione) e Flori Degrassi (Il ruolo del volontariato oncologico “al femminile”).

Grazie al lavoro del comitato scientifico guidato dalla dott.ssa Catalano e composto da Francesco Basile, Giuseppe Catanuto, Filippo Fraggetta, Francesco Marletta, Rosario Perrotta, Giuseppa Scandurra e Paolo Scollo, il congresso si articolerà in tre momenti formativi: la mattina di venerdì 19, infatti, in tre sale simultaneamente si svolgeranno le sessioni sui temi “Chirurgia: conoscere i desideri delle pazienti”, “Procreazione e benessere dei figli”, “Qualità della vita durante i trattamenti e nelle donne ad alto rischio”.  La sessione plenaria del pomeriggio, concentrerà gli interventi sui temi “Salute e benessere” con un focus su problematiche come la sessualità, i disturbi del sonno, la medicina estetica, il dolore osseo.

   

Lascia un commento