Unità Spinale, dopo ExpoBit la presentazione dello “Ski Tour”

Condividi

Prima Expo Medicina, salone dell’innovazione tecnologica in sanità di Exbobit, poi la presentazione di “Ski Tour 2012-2013”, progetto di sci da seduti per persone con disabilità. Sono giorni impegnativi per il personale dell’Unità Spinale Unipolare dell’ospedale Cannizzaro e i volontari di AUSPICA Onlus (Associazione Unità Spinale Cannizzaro).

USU ExpoBit

L’area dell’Unità Spinale Unipolare a ExpoBit 2012

Fino a domenica, al centro Le Ciminiere di Catania, dov’è in corso Expo Medicina, sarà possibile visitare la riproduzione di parte della struttura e del percorso di cura, dagli ambulatori agli ausili per la rieducazione motoria e la terapia occupazionale. E sabato 24 si svolgerà il corso ECM “La disabilità nella mielolesione: riabilitazione e diversità uomo donna”, con il patrocinio tra l’altro dell’Azienda Cannizzaro.

Lunedì 26 novembre, alle ore 11, poi, nella sala meeting dell’Unità Spinale dell’ospedale Cannizzaro, saranno illustrate le attività in programma sull’Etna nell’ambito dello “Ski Tour 2012-2013”, evento di sci per persone con disabilità. È la seconda volta che il progetto approda in Sicilia, dopo l’apertura dell’Unità Spinale del Cannizzaro, la prima del genere al Sud Italia. L’anno scorso una decina di disabili si sono cimentati in una “discesa” a Piano Provenzana, organizzata in collaborazione con l’Inail e il Comitato paralimpico di Catania, il Distaccamento Etna del soccorso alpino della Polizia di Stato e la Star Impianti. La nuova edizione dello “Ski Tour” comincerà a dicembre da Folgaria e toccherà diverse località sciistiche italiane, approdando sull’Etna nei giorni 8, 9 e 10 febbraio 2013.

La serie di eventi è organizzata da Freerider Sport Events, associazione sportiva dilettantistica specializzata nell’organizzazione di attività che coinvolgono persone disabili, fondamentalmente escursioni sulla neve e di corsi di sci: grazie al supporto di tecnici volontari selezionati e di varie aziende che supportano i progetti, si dimostra così come sia possibile superare tutte le barriere che possono limitare una pratica sportiva.

   

Lascia un commento