Il Cannizzaro nella “rete” territoriale oncologica

È tra stato sottoscritto all’Asp di Catania il protocollo d’intesa per la costituzione del Dipartimento Interaziendale Oncologico (Dipo) della Provincia di Catania, volto alla piena integrazione ed interrelazione tra le strutture oncologiche del territorio. A firmare l’accordo, in linea con le indicazioni fornite dall’Assessorato regionale alla Salute, sono state l’Azienda sanitaria provinciale, le Aziende ospedaliere e le strutture sanitarie accreditate della provincia etnea.

Il Dipartimento avrà carattere funzionale e adotterà un’articolazione interaziendale, non comporterà oneri economici per nessuno dei soggetti sottoscrittori e sarà assicurato da un coordinatore, un segretario e da un comitato direttivo. Previsti anche degli organismi collegiali: le commissioni permanenti, i tavoli di lavoro, il comitato etico e i gruppi oncologici multidisciplinari. L’organigramma, strutturato con soggetti nominati secondo le direttive impartite con le disposizioni assessoriali, verrà costituito con successivi provvedimenti.

«Il Dipartimento rappresenta uno strumento ed una metodologia di lavoro, che sono esperienze quotidiane per gli oncologi – afferma il dott. Paolo Cantaro, commissario straordinario dell’Azienda Cannizzaro, tra i firmatari – e che dovrebbe essere adottata anche in altre discipline, soprattutto laddove è necessario standardizzare le procedure e le prestazioni». «La complessità della patologia oncologica – spiega il dr. Sirna – richiede che gli interventi finalizzati al suo corretto trattamento siano improntati alla multidisciplinarietà ed al conseguente coinvolgimento di numerose specialità mediche, in ogni fase, dalla prevenzione alla cura o alla terapia palliativa».

L’Atlante sanitario della Sicilia su incidenza, prevalenza, sopravvivenza e mortalità delle patologie oncologiche, pubblicato nell’ottobre di quest’ anno dall’Assessorato regionale alla Salute Dipartimento per le attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico, osserva nella Provincia di Catania, negli anni 2004-12, un numero di decessi medi per anno pari a 1401 uomini e 1061 donne, con un tasso standardizzato di 206,8 per gli uomini e 120,9 per le donne (x 100.000). Tali tassi si collocano al di sotto della media osservata a livello nazionale. Per quanto riguarda il tasso d’incidenza, ovvero i nuovi casi di tumore osservati, i dati dell’ Atlante, riportano, negli anni presi in esame (2002-09), 2572 uomini e 2240 donne in media per ogni anno, con tassi standardizzati pari, rispettivamente, a 432 e 326 (x 100.000).

Devi essere loggato per potere lasciare un commento Login