Mons. Gristina in visita ai reparti: “Professionalità e solidarietà”

Mons. Salvatore Gristina
L’arcivescovo di Catania in visita al Cannizzaro

«L’assistenza è una realtà complessa che chiede competenza e responsabilità. Ciascuno opera secondo la propria specifica professionalità, ma tutti convergiamo verso quella carità che dobbiamo vivere e testimoniare». Lo ha detto l’arcivescovo di Catania mons. Salvatore Gristina questa stamattina, durante la sua visita all’ospedale Cannizzaro, in occasione della Giornata mondiale del malato.

Accolto dal commissario straordinario Paolo Cantaro, accompagnato dal cappellano don Mario Torracca e da tanti volontari della cappellania, l’arcivescovo si è fermato per un breve incontro negli uffici amministrativi. «Questo è un ospedale moderno, con tante attività di riferimento e con i suoi problemi. Il nostro impegno va nella direzione di qualificare l’assistenza anche attraverso l’accoglienza, l’umanizzazione e il conforto di cui il malato ha bisogno insieme con le migliori cure possibili», ha detto il commissario Cantaro. Mons. Gristina, da parte sua, ha richiamato all’attenzione verso i sofferenti: «Qui come altrove è bello constatare i miracoli della solidarietà, energia straordinaria da cui dobbiamo lasciarci guidare. E per chi fa riferimento alla fede cristiana la forza viene anche dalla parola di Dio».

L’arcivescovo ha quindi reso visita ai ricoverati nei reparti di Ginecologia e ostetricia, Senologia, Oncologia, Unità Spinale, Neurologia.

Devi essere loggato per potere lasciare un commento Login